Video e articoli anche su:

 

 Coordinamento nazionale dei docenti di Diritto e Economia

"Due sono i modi di prosciugare la  democrazia:   chiuderne le condotte e spegnerne il desiderio."

      G.Zagrebelsky

www.docentidiritto.org

 coordnazdocdir@libero.it

 

News

                                                                    

 

Chi siamo
         

L'Appello
 

 

Ordine del giorno del Consiglio Regionale della Campania in favore della reintroduzione del Diritto nelle scuole.

 

 

Le nostre iniziative
 

La storia del Coordinamento
    

Rassegna stampa
    

Atti parlamentari

 

Siti amici

 

Ringraziamenti

 

Vecchio sito

 

 

 

 

 

                                              

 

 

 

 

 

 

 

 

Ultim'ora - 16 dicembre

I dati della consultazione su "La buona scuola": servono l'educazione alla legalità e lo studio dell'economia.

 

 

 

 

 

Libera chiede il ritorno del Diritto a scuola


                                                                                                  

 

______________

Una proposta per la buona scuola.

 

Il recente intervento dell’ex Ministro della Giustizia Paola Severino, che ha proposto di reinserire nelle scuole italiane  una disciplina che aiuti a combattere anche con strumenti culturali la crescente corruzione, riapre una discussione su cosa serve studiare nelle scuole italiane. 

Nella Raccomandazione del 18 dicembre 2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio d’Europa si fa riferimento alla necessità di assicurare agli studenti degli Stati dell’UE le competenze chiave di cittadinanza.

Siamo l’unico Paese dell’UE che dopo quella Raccomandazione ha eliminato,nell’ambito del riordino Gelmini di Tecnici, Professionali e Licei,  lo studio del Diritto  e dell’Economia nella quasi totalità  delle scuole superiori.

 Se si vuole realizzare la  “buona scuola” non si può ignorare la necessità di garantire l’acquisizione della competenze chiave di cittadinanza (anche questo ce lo chiede l’Europa!) e la necessità consequenziale di reintrodurre lo studio della Costituzione e delle discipline giuridico-economiche.

In alcuni lander della Germania e negli Stati Uniti la riflessione successiva alla recente  crisi finanziaria ha portato all’inserimento nel segmento delle scuole superiori di contenuti riconducibili a quella che si definisce una consapevole educazione finanziaria.

 Il Coordinamento nazionale dei docenti di Diritto  e Economia propone che nell’ambito della discussione avviata dal Ministro Giannini sulla revisione dei curriculi generati dal riordino Gelmini si tenga conto di quanto indicato nella premessa e per tradurre in  concreto le indicazioni prospettate auspica:

  1. l’approvazione della proposta di legge n.S883 depositata in Senato dal Sen. Roberto Ruta che prevede la reintroduzione dello studio del Diritto e dell’Economia in tutti i primi bienni degli istituti superiori;
  2. la determinazione per la disciplina-fantasma “Cittadinanza e Costituzione” di un monte-ore curricolare e la introduzione della relativa valutazione generalizzandone la presenza nel secondo biennio degli istituti superiori;
  3. l’introduzione della disciplina “Educazione comportamentale e finanziaria” nel quinto anno delle scuole superiori.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                          

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

DISCLAIMER: Questo sito non rientra nella categoria di "informazione periodica" (L. 62/2001) in quanto non viene aggiornato ad intervalli regolari e prestabiliti. Questo sito non è collegato ad alcun periodico o testata giornalistica, non persegue finalità economiche nè fini di lucro.

 
Copyright © 2014 COORDINAMENTO NAZIONALE DEI DOCENTI DI DIRITTO ED ECONOMIA